Categorized | , ,

Lamantica Cultura - A cura di Giovanni Peli



Lamantica Cultura è un’associazione culturale con sede a Brescia nata nell’estate 2015 da un’idea di Federica Cremaschi (traduttrice e organizzatrice teatrale), Giovanni Peli (poeta e cantautore) e Silvia Ballarin (pittrice e arteterapeuta).

Il nome è un invito al gioco del calembour nel quale riecheggiano lame antiche, la mantica, amanti e lamantini. La sfera d’azione di questo nucleo associativo consiste nella creazione e diffusione artistica, a margine e al microscopio, libera e limpida per quanto occhi e gambe reggono, sodale e solidale e questo è il senso che vogliamo attribuire.

Da molto tempo io (Giovanni) e Federica avevamo intenzione di aprire una casa editrice nostra, abbiamo preso coraggio, e di questi tempi ce ne vuole molto. La nostra attività si pone in modo anti-commerciale, o meglio, non convenzionalmente commerciale: lo dico dato che, in tempi di polemiche veloci e ficcanti, mi si potrebbe subito obiettare  che alla fine i libri vanno venduti. Intendo dire dunque, da un punto di vista tecnico, che non abbiamo collane di sorta. Abbiamo scelto solo un formato, l’A6, e la caratteristica delle pagine azzurre, che a noi piacciono molto. Abbiamo deciso di partire “micro” e non sarà un problema rimanerlo; saremo tuttavia, per dirla all’Orientale, come l’acqua che scorre. Vedremo come andrà. Di certo non faremo pagare nulla agli autori e li rispetteremo sempre (dato che sono autore anch'io e so cosa significa avere a che fare con gli editori). Riteniamo un obiettivo primario della vita il rispetto per tutte le persone e, ancora di più, direi che un obiettivo primario nella vita, e quindi nell’arte e nell’editoria, il vivere di passione e volerla trasmettere: noi riteniamo che la letteratura sia una necessità, quindi vogliamo contribuire, per quanto possiamo, alla sua diffusione a condizione che ci siano qualità come autenticità e passione. I tre titoli che abbiamo stampato hanno questa caratteristica e ciò è la porta di ingresso per la bellezza, altro valore fondante. Questi libri vogliono contenere soltanto ciò che ci piace e ci appassiona. Come si vede, attualmente possiamo proporre questi libri come letteratura di secondo grado, che rimanda ad altri autori e ad altra letteratura, perché la letteratura, nel senso della creazione e della fruizione, è secondo noi anche un continuo dialogo con l’altro che le barriere dello spazio e del tempo non possono arrestare. Dialogo che, a volte, nelle terribili ma assolutamente naturali e umane situazioni del quotidiano vivere, dal condominio al mondo, potrebbe sembrare impossibile. Siamo certi che queste difficoltà possano essere superate. La passione e la bellezza, forse, non risolveranno nulla ma aiuteranno a creare attimi di pace, a generare emozioni irripetibili che possono far scaturire altre idee, suggerimenti, scontri di fantasmi, progetti, sogni: tutto ciò fa vivere meglio. Per questo il dialogo e la sovrapposizione di temi e di suggestioni ci farà pubblicare altre cose, non solo poesia. Nei progetti futuri c’è un’apertura totale verso ogni genere letterario, in particolare la saggistica breve e il teatro. Il fanalino guida nella nostra cernita può sembrare banale: l’opera ci deve piacere molto. Ma proprio molto. Le nostre risorse economiche (perché a parte le dichiarazioni di intenti, bisogna comunque fare i conti) sono esigue ma ciò non ci spaventa perché siamo certi che questi piccoli libri (stampati in tiratura limitata di 100 copie) sono belli e che coloro che vorranno acquistarli ne potranno trarre piacere. Siamo convinti che siano un bel modo per cominciare un’avventura di passione e bellezza come una dimensione parallela, un’altra vita, accanto a quella che abbiamo.

Per quanto riguarda le nostre attuali pubblicazioni con il marchio Lamantica Edizioni:

il primo titolo in catalogo, nel settembre 2015, è  In ricordo di Pier Paolo Pasolini, di Giovanni Peli con l'introduzione di Flavio Santi, tratta dal testo del reading ideato dallo stesso autore in occasione del quarantennale della morte del poeta. 
A novembre è stata la volta de Il ballo delle riluttanti di Giulio Maffii, poemetto narrativo a due voci ispirato a Re Giovanni di Shakespeare, mentre a dicembre è stata pubblicata la raccolta poetica di Nicola Vacca Parole nel freddo della terra, dedicata ad Alfonso Gatto. 

Caratteristiche delle pubblicazioni il micro formato, la micro tiratura, il trans gender e la carta
azzurrina. 

Chi fosse interessato ad acquistare i libri di Lamantica Edizioni può scrivere una mail a lamanticacultura@gmail.com e riceverà tutte le informazioni. 

Chi volesse mandarci in lettura un manoscritto, un’antologia, una raccolta di poesie o altro ancora, tenga presente il medesimo indirizzo. Non importa il genere, l’unica condizione: essere molto motivati e convinti del lavoro che è stato svolto. Siamo reperibili anche in questa pagina Facebook: 


www.facebook.com/lamanticacultura