Dan Coman: Lei sola, una traduzione inedita con lettura - a cura di Alexandrina Scoferta




Dan Coman (1975) è uno trai più premiati poeti Romeni. 
Questi versi si trovano nella raccolta dal kafkiano titolo “Insectarul Coman” (Insettario Coman), pubblicata nel 2017. La sua è una poesia che viene trascinata sui limiti estremi del quotidiano e sulla perversione dell’abitudine. È come se Coman fosse rinchiuso tra quattro muri vaporosi, intangibili eppure non del tutto attraversabili, i suoi versi sono le mani che entrano in contatto con il fumo delle pareti, a tratti (le mani) smettono di trovarsi nella stanza senza mai essere assenti da essa. Con gli stessi termini si può definire la farfalla-labrador presente in più poesie del suo libro, che è leggera come una farfalla e tuttavia pesante come un cane labrador, una farfalla che non smette di essere leggera e innocente, un cane che non smette di essere pesante corrotto dai desideri e dagli istinti.






LEI SOLA


Ho sognato la farfalla-labrador
volare sola su Grigore Bălan,
avanti e indietro,
con il capo chino

ho sognato città svedesi

una donna anziana torcere il sole come fosse una camicia
su un catino

ho sognato d.h.,
giovane e inaspettatamente bella
ascoltare la radio nella casa dei miei nonni,
sorseggiando da una tazza di latte bollente

ho sognato seni più piccoli del colibrì
mani secche, i sessi enormi di alcune conoscenti

ho sognato il giorno in cui finisce per sempre il piacere

ho sognato un bambino che giocava tra i giardini di caffè,
avanzando lento e solo tra la spuma frusciante come erba secca

ho sognato la lingua italiana, la montavano degli adolescenti su un tavolino
con pezzi colorati di lego

e nel frattempo, mentre dormivo e sognavo,
lei dormiva molto lontano da me
e mi sognava

trascriveva ogni mio sogno
e poi sognava ancora
per assicurarsi d'aver notato assolutamente tutto

quando appariva la luce ci svegliavamo ognuno da un'altra parte e iniziavamo la vita,
andavamo al lavoro, facevamo la spesa,
ci prendevamo cura degli altri

e fuori nevicava, la neve era azzurra e soffice, di peluche
la farfalla-labrador volava su Grigore Bălan,
avanti e indietro,
con il capo chino

non ci riconosceva.




NUMAI EA


am visat fluturele-labrador
zbura de unul singur pe Grigore Bălan,
încolo și-ncoace,
cu capul plecat

am visat orașe din suedia

o femeie bătrînă storcînd soarele ca pe-o cămașă
deasupra unui lighean

am visat-o pe d.h.,
tînără și neașteptat de frumoasă
ascultînd radioul în casa bunicilor mei,
sorbind dintr-o cană cu lapte fierbinte

am visat sîni mai mici decît pasărea colibri,
mîini uscate, sexele enorme ale unor cunoscuți

am visat ziua în care se termină pentru totdeauna plăcerea

am visat un copil jucîndu-se prin grădinile de cafea,
înaintînd lent și singur prin caimacul care foșnea ca iarba uscată

am visat limba italiană, o montau niște adolescenți la o măsuță
din piese colorate de lego

și-n tot acest timp, cît eu am dormit și am visat,
ea a dormit foarte departe de mine
și m-a visat

transcria fiecare vis pe care-l aveam
apoi visa încă o dată
să se asigure că a notat absolut tot

cînd apărea lumina ne trezeam fiecare-n altă parte și începeam viața,
mergeam la serviciu, făceam cumpărături,
aveam grijă de alții

și afară ningea, era o zăpadă albastră și moale, de pluș
fluturele-labrador zbura de unul singur pe Grigore Bălan,
încolo și-ncoace,
cu capul plecat

nu ne recunoștea.
Powered by Blogger.