Alexandru Vakulovski: Patria amputata, una traduzione inedita con lettura - a cura di Alexandrina Scoferta.
























Alexandru Vakulovski è nato nel 1978 ed è una delle voci giovani più “vive” della Moldavia. È poeta, critico letterario, scrittore, traduttore e blogger. Insieme al fratello dirige una delle prime rivista letterarie nate online in lingua romena: la rivista Tiuk! (k-avem kef).
Il suo linguaggio è crudo e schietto, le sue parole sono affamate come il suo popolo e questa fame letteraria mi commuove, ha ritmo, culla e disturba. La sua poesia è per me uno scomodissimo e bellissimo walzer con la vita reale, la vita che ho lasciato a chilometri di distanza da me e che per tanto tempo ho sperato di dimenticare.







Patria amputata 


In questa città tutti sono
infelici su queste terre
c’è un silenzio prima di
scoppiare sì amore vado
vado sulle terre
della mia patria
là tutti si vivono la felicità
di non conoscere
la felicità di perdere
di non essere investiti da una
macchina di crescere
figli infelici di
mangiare e non di svuotare
(sorry, vomitare) mai
vado là amore
la mia patria è là dove
ci sono io
amore amore amore
tu mi hai reso felice
mi hai fatto dimenticare tutto
questo non (te) lo dimenticherò
mai
vado.



Patrie amputată


în oraşul ăsta toţi sunt
nefericiţi pe pământurile astea
e o linişte înainte de
explozie da iubită plec
plec pe pământurile
patriei mele
acolo toţi îşi trăiesc bucuria
de a nu cunoaşte
bucuria de a pierde
de-a nu fi călcat de-o
maşină de-a creşte
copii nefericiţi de a
mânca şi a nu borî
(sorry, vomita) niciodată
plec acolo iubită
patria mea e acolo unde
sunt eu
dragoste dragoste dragoste
tu m-ai făcut fericit
m-ai făcut să uit totul
asta n-am să ţi-o uit
niciodată
plec.


Powered by Blogger.