Teodor Dună: Muori tranquillo, una traduzione inedita con lettura - a cura di Alexandrina Scoferta




Teodor Dună dice, in un’intervista, che la poesia, anche quando parla di cose sgradevoli, è un linguaggio innamorato della propria impotenza e della propria impotenza di sembrare innamorato. Racconta dell’ispirazione che lo ha portato a scrivere la raccolta  di  poesie " de-a viul " : essa è arrivata con una seduttiva invadenza che lo ha spinto a produrre ininterrottamente, per qualche giorno, decine e decine di testi in gran parte mediocri. Questo perché il mondo che lo aveva invaso nulla aveva a che fare con il linguaggio del mondo in cui invece era tenuto a vivere. Per anni ha convissuto con l’altro mondo, un mondo che lo disturbava fino a quando non è riuscito a comprometterlo in qualche modo. Oso dire, ma questo non viene più da Teodor, che ha dovuto “integrare” quel mondo proprio come diremmo noi di uno straniero, perché anche dare forma ad una realtà diversa è un esercizio doloroso e difficilissimo di traduzione. Ecco perché, profondamente convinta del fatto che nello sforzo stesso della traduzione ci sia l’atto più poetico che qualsiasi essere umano mette in essere tutti i giorni, vi traduco una poesia che viene proprio dall'interno di quel salto.






muori tranquillo


muori tranquillo da giorni e nessuno lo scopre.
cammini e la strada scende, scende sempre di più.
c'è un campo lì. qualcuno distribuisce benedizioni
con la bocca piena di sabbia.
e scendi, più in basso della tua risata, sotto le acque
e perché tutto sia più bello
qualcuno ti lancia dietro un cane. lo guardi.
non ti fermi
e i crisantemi piovuti non li porti più da nessuna parte
e più ti inoltri,
più le case si ribaltano, si potrebbe dire che scivoli,
poi si fa più freddo, il cane ancora ti cade dietro
e un'orba ti si avvicina
dico oh, ecco, un cadavere,
poi scappo, scompaio e tu muori tranquillo da giorni senza che nessuno lo scopra

e cammini più tranquillamente, si potrebbe dire che non ti interessa, qualche
casa brucia,
una ragazza ti passa di fronte, non ti interessa
che ti abbia chiamato, solo cammini sulla strada che scende,
per un po' spingi una carriola con dei bambini e nessuno lo scopre
e loro aprono gli occhi, gridano oh, ecco, un cadavere, si nascondono

in un campo di betulle. ogni albero culla
qualcun altro.
tutti bruciano, il cane brucia pure lui, cadendoti dietro,
e il mondo intero brucia,
solo tu continui a camminare e i crisantemi piovuti
non li porti più da nessuna parte.
e la strada si rompe, non ti fermi, tutto brucia intorno,
e tu cammini tranquillo, continui a scendere, con un cane,
e nessuno lo scopre.



mori liniștit 


mori liniștit zile în șir și nimeni nu află.
mergi și strada coboară, coboară tot mai mult.
e o pajiște acolo. cineva împarte binecuvântări
cu gura plină de nisip.
și cobori, mai jos de râsul tău, mai jos de ape
și pentru ca totul să fie foarte frumos
cineva aruncă în urma ta un câine. îl privești.
nu te oprești
și ninsele crizanteme nicăieri nu le mai duci
și cu cât înaintezi,
casele se răstoarnă mai mult, s-ar zice că aluneci,
apoi se face mai frig, câinele tot cade în urma ta
și câteva oarbe se apropie de tine
zic o, iată, un cadavru,
apoi fug, dispar și tu mori liniștit zile în șir și nimeni nu află

și mergi mai liniștit, s-ar zice că nu-ți pasă, câteva
case ard,
o fată trece prin fața ta arzând, nu-ți pasă
că te-a strigat, doar mergi pe strada care coboară,
duci o vreme o roabă de copii și nimeni nu află
și ei își deschid ochii, strigă o, iată, un cadavru, se ascund

într-un pâlc de mesteceni. fiecare copac leagănă
pe altcineva.
cu toții ard, câinele arde și el, căzând în urma ta,
și întreaga lume arde,
doar tu continui să mergi și ninsele crizanteme nicăieri
nu le mai duci.
și drumul se rupe, nu te oprești, totul arde în jur,
și tu mergi liniștit, tot cobori, cu un câine,
și nimeni nu află.


Powered by Blogger.